Produrre contenuti che funzionano e ottenere risultati assicurati


I contenuti sono la strategia più effcace per fare marketing oggi e chiunque voglia fare content marketing deve produrre buoni contenuti. Chi è “piccolo” (freelance, liberi professionisti, piccoli imprenditori) poi, ha l’assoluta necessità di produrre contenuti eccezionali.

Perché? Semplicemente perché la rete è satura di contenuti, spesso mediocri o “riciclati” e l’unico modo per spiccare in questo mare magnum è essere sempre al top, ovvero creare qualcosa di così utile e interessante da catturare l’attenzione dei lettori, spingerli a leggere le tue parole fino in fondo, a condividerle sui social, a interessarsi al tuo lavoro (magari visitando il tuo sito web) e a parlare di te con colleghi e amici.

Cosa vuoi ottenere?

Quando decidi di scrivere un contenuto di alto livello per il web, la prima cosa che devi avere ben chiara è il tuo obiettivo: nessuno vuole leggere un contenuto scritto “tanto per”. Quindi chiediti: perché produci quel contenuto?

  • Vuoi mostrare le tue competenze e ottenere la fiducia dei tuoi lettori?
  • Vuoi aumentare la tua visibilità ottenendo condivisioni?
  • Vuoi vendere un tuo prodotto?
  • Vuoi indirizzarli al tuo sito e/o alla tua pagina servizi?
  • Vuoi far crescere la tua mailing list?
  • Cos’altro?

A seconda dell’obiettivo, devi chiedere a chi legge di fare qualcosa. Su questo niente sottintesi, mi raccomando: chiedilo esplicitamente con una specifica “call to action” (richiesta di azione):

“Se ti è piaciuto questo articolo condividilo”, oppure “Iscriviti per ricevere i prossimi articoli”, oppure “Se anche tu hai questo problema, vai a vedere il mio prodotto/percorso XYZ” e via di seguito.
In qualsiasi caso, la call to action funziona se il contenuto funziona. E un contenuto funziona se riesce ad aiutare concretamente il lettore a raggiungere un risultato che spera di ottenere.

Per chi scrivi e come?

Ma veniamo al dunque: come puoi assicurarti di essere davvero utile per i tuoi lettori?

Prima di tutto, devi conoscere il tuo pubblico. Il pubblico giusto per te corrisponderà al tuo target o nicchia di mercato, cioè a quel gruppo di persone che ha il problema che risolvi con il tuo servizio o prodotto, che apprezza il tuo stile e la tua personalità.

Delineando quanto più precisamente possibile un ritratto delle persone a cui ti rivolgerai, con i loro problemi e i loro desideri, con il tuo contenuto sarai in grado di:

  • dare indicazioni specifiche, magari sotto forma di sequenze di azioni, che le aiutino ad avvicinarsi al loro obiettivo;
  • scrivere in modo semplice e informale (di solito da preferire in rete) oppure professionale, ma sempre familiare per l’interlocutore;
  • arrivare ad un livello di approfondimento adeguato sia in funzione del formato del contenuto (audio,video, scritto) sia di quanto sei conosciuta (la prima volta che ti leggono probabilmente le persone non sono disposte e dedicarti una grossa fetta del loro tempo).

Ricorda che “utile” non significa per forza “lungo”, “tecnico” né tantomeno “pesante”: certe volte il contenuto che funziona di più è quello che fa sorridere, che offre un nuovo punto di vista, che ispira e motiva, restando impresso; oppure è quello che scorre e suona talmente bene da far venire voglia di appenderlo al muro.

Che tipo di formato e di distribuzione?

Anche questa scelta dipende dal tuo pubblico, ma non solo: dipende anche da te. In questo caso, si tratta infatti di incrociare le preferenze e le abitudini del tuo pubblico con le tue preferenze e i tuoi punti di forza. Se sei una “chiacchierona” (come me), potresti pensare di creare una serie di podcast; se sei un’appassionata di scrittura creativa, potresti dedicarti a creare post e articoli e così via…
Il punto di contatto tra ciò che il tuo pubblico predilige e ciò che sei, ti permetterà di:

  • scegliere il formato più adatto per il tuo contenuto (post scritti, audio, video, immagini e infografiche o una loro combinazione);
  • scegliere i canali migliori per distribuire il tuo contenuto: sul tuo blog e poi sui social? Sul tuo blog e poi via mail? Solo alla tua newsletter? Su blog che ti ospitano? Solo sui social?

Inoltre anche l’occhio (o orecchio) vuole la sua parte: anche qui, assicurati di offrire una buona formattazione e una qualità adeguata dell’audio, dei video o delle immagini.

Queste, in breve, sono le mie indicazioni per produrre contenuti straordinari: fai le tue prime scelte strategiche, segui le indicazioni e inizierai da subito ad ottenere risultati. Non temere gli inevitabili errori iniziali, ma ricorda sempre di verificare le scelte fatte: ogni mercato, ogni pubblico e ogni persona sono differenti e, per continuare a migliorare, la pratica è più importante della teoria.

Non temere gli inevitabili errori iniziali, comincia a preparare i tuoi contenuti
Non temere gli inevitabili errori iniziali, comincia a preparare i tuoi contenuti

log in

reset password

Back to
log in